Miracoli Eucaristici

Il miracolo eucaristico di Firenze del 30 dicembre 1230

«Il dì appresso, prendendo nuovamente il detto calice vi trovò dentro vivo sangue rappreso e ciò fu manifesto a tutte le donne di quel monastero e a tutti i vicini che vi furono presenti e al Vescovo e a tutto il chiericato e poi si palesò a tutti i Fiorentini, i quali, con grande devozione, vi si radunarono intorno per vedere e presero il sangue del calice e lo misero in un’ampolla di cristallo che ancora si mostra al popolo con grande riverenza».

miracolo Firenze

miracolo Firenze

Il 30 dicembre 1230 avvenne quello che viene ricordato come il miracolo eucaristico di Firenze. Fu la chiesa di Sant’Ambrogio, situata nel quartiere Santa Croce, il teatro dell’evento: Ugoccione, un anziano sacerdote, non pulì perfettamente il calice utilizzato durante la messa del giorno precedente e al mattino ritrovò al suo interno del sangue raggrumato. Tra lo stupore delle monache e del sacerdote, il liquido fu trasferito all’interno di un’ampolla e portato al monsignor Ardigno Foraboschi, che dapprima risultò scettico. Dopo diverso periodo sotto osservazione, la reliquia tornò nella chiesa di Sant’Ambrogio per essere custodita all’interno di un tabernacolo.

Il miracolo eucaristico di Firenze

Il miracolo eucaristico di Firenze

Tuttavia, c’è da dire che il miracolo eucaristico di Firenze non suscitò tanto clamore quanto quello di Bolsena, datato 1263 e lo stesso papa non mostrò molto entusiasmo.

Il 24 marzo 1595, Venerdì Santo, nella stessa chiesa divampò un violento incendio, durante il quale un sacerdote, cercando di mettere in salvo la pisside con le ostie consacrate, inciampò facendo finire le particole tra le fiamme. Dopo l’incendio le particole sarebbero state ritrovate avvolte in un corporale, miracolosamente intatte. Successivamente l’arcivescovo Alessandro Marzi-Medici, dopo un’indagine, riconobbe il prodigio autorizzandone il culto.

Le reliquie sono oggi conservate nella stessa chiesa, nel tabernacolo della Cappella del Miracolo del Sacramento, insieme all’altra reliquia del sangue raggrumato, e insieme vengono esposte ogni anno durante le Quarantore, raccolte in un unico ostensorio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina, indispensabili purtroppo per il mantenimento del sito, sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso vi chiediamo di segnalare tempestivamente eventuali pubblicità non conformi al messaggio della nostra realtà con una mail, e se accadesse ci scusiamo con i lettori anche se non dipende dalla nostra volontà.

Redazione Raggi di Luce

Testata di informazione cattolica, ogni giorno pubblichiamo testimonianze di fede, miracoli, guarigioni inspiegabili e approfondimenti sulle apparizioni di Medjugorje, Lourdes, Fatima... ci impegnamo in maniera concreta a portare un raggio di luce nel cuore delle persone.