Medjugorje Papa Francesco

Henryk Hoser l’inviato del Papa difende Medjugorje

Hoser a Medjugorje

L’inviato del Papa Henryk Hoser difende Medjugorje

Medjugorje incoraggia lo sviluppo della fede, questi sono frutti di cui non si può negare, ha detto l’Arcivescovo Polacco Henryk Hoser inviato speciale che Papa Francesco ha nominato pochi giorni per Medjugorje e che sta studiando una linea pastorale.

Per molte persone l’azione di Papa Francesco è stata interpretata come un controllo rigoroso sulla veridicità delle apparizioni ai sei veggenti di Medjugorje.

In realtà Papa Francesco ha mandato il suo inviato l’arcivescovo Henryk Hoser a Medjugorje per tracciale le linee guida della pastorale della parrocchia  al fine di comprendere meglio le esigenze stessi dei credenti che ogni anno effettuano pellegrinaggi in questa piccola cittadina della Bosnia Erzigovina.

Papa Giovanni Paolo II e Medjugorje

Papa Giovanni Paolo II aveva forti sentimenti di affetto per Medjugorje e questo non è un segreto, lo stesso Papa in diverse dichiarazioni affermava che Medjugorje è la continuazione di Fatima. Non è un segreto neppure che Papa Wojtyla avesse grande stima dei veggenti e questo trapela anche da numerosi suoi scritti.

Quindi l’intenzione del vaticano è stata quella di inviare l’arcivescovo polacco a Medjugorje al fine di una più profonda comprensione della situazione pastorale a Medjugorje e non come riportato dai media di indagare sulla veridicità di Medjugorje.

“Il mio compito è limitato alla dottrina pastorale e quindi non posso rispondere a domande circa la veridicità delle apparizioni di Medjugorje”, ha detto l’arcivescovo, aggiungendo che i frutti della fede che provengono da Medjugorje non si possono negare.

I frutti di Medjugorje

“I frutti della fede sono più che positivi. Sotto frutti che portano a recitare il Rosario, a prendere parte all’adorazione eucaristica, al digiuno e alla penitenza, e favoriscono lo sviluppo di tutta la fede. A Medjugorje, vediamo le persone tornare ai sacramenti, vediamo la conversione del cuore, i cambiamenti nello stile di vita, la partecipazione alla celebrazione eucaristica, la confessione, la guarigione e questo così forte accade solo a Medjugorje.

Non possiamo negare né ignorare la pastorale “. Si stima che più di 2 milioni di pellegrini visitano Medjugorje ogni anno e dice: “Significa qualcosa per la Chiesa” In difesa del giornalista ha aggiunto che non poteva affrontare gli aspetti teologici e gli eventi di Medjugorje, che sono soggetti alla Pontificia Commissione. “Posso solo agire sulla pastorale”. L’Arcivescovo Henryk Hoser ha concluso la conversazione dicendo: ” Io credo nella Vergine Maria, Credo in tutte le sue manifestazioni”

Non è chiaro il motivo per cui gli altri vescovi come ad esempio quello di Mostar Monsignor Peric negano i frutti evidenti di fede che ci sono a Medjugorje, ogni anno migliaia di persone si convertono e prendono parte ai sacramenti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina, indispensabili purtroppo per il mantenimento del sito, sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso vi chiediamo di segnalare tempestivamente eventuali pubblicità non conformi al messaggio della nostra realtà con una mail, e se accadesse ci scusiamo con i lettori anche se non dipende dalla nostra volontà.

Redazione Raggi di Luce

Testata di informazione cattolica, ogni giorno pubblichiamo testimonianze di fede, miracoli, guarigioni inspiegabili e approfondimenti sulle apparizioni di Medjugorje, Lourdes, Fatima... ci impegnamo in maniera concreta a portare un raggio di luce nel cuore delle persone.